Cavallo di Troia nella città di Dio (Il)

Codice prodotto -
ISBN 978-88-85223-67-7
Categoria EFFEDIEFFE
Editore EFFEDIEFFE
Disponibilità si
SPEDIZIONE PREVISTA ENTRO: 1 giorni lavorativi

Segnala ad un amico



COLLANA EFFEDIEFFE

CLASSICI DELLA TRADIZIONE CATTOLICA N.1

Descrizione


Dietrich von Hildebrand – definito da Papa Pio XII: Il Dottore della Chiesa del ventesimo secolo  con questo testo fondamentale scritto nei primi anni di post-Concilio, volle portarsi al di là dall’antitesi fra «conservatorismo» e «progressismo» nel cattolicesimo; una sua essenziale preoccupazione fu di mettere in evidenza le idee di base legate alla Rivelazione cristiana, abbandonando le quali non si ha più alcun diritto di dirsi ancora cattolici perché ci si espone al pericolo della «secolarizzazione», della negazione di tutto quel che è veramente sovrannaturale. In una polemica a più vasto raggio vengono affrontati anche problemi generali della visione del mondo e vengono denunciati vari miti del nostro tempo. Però l’interesse principale viene portato soprattutto sui problemi riguardanti la religione nei suoi aspetti non di teologia speculativa bensì di vita morale, di devozionalità vissuta in funzione di Cristo.

Lo spirito che permea questo testo è l’invito al recupero dell’oggettività: secondo l’autore, l’eliminazione del bene e del male a favore di un atteggiamento «scientificamente» neutro è il cancro dei nostri tempi. L’errore è credere che la vitalità implichi sempre un mutamento e che la religione debba trasformarsi se vuol mantenersi viva. Il mutamento spirituale e corporeo – connaturale all’uomo perché legato alla sua esistenza nel tempo – non deve necessariamente condurre al mutamento delle proprie convinzioni. La verità – specie quella sovrannaturale – non cambia, né cambiano i valori, i quali richiedono da noi una costante, ferma adesione.

Per questo, spiega von Hildebrand, l’amore supremo della Chiesa per tutti gli uomini esige la condanna degli errori e questa condanna è parte essenziale della chiamata del momento che stiamo vivendo in vista di un’unità effettiva che può essere raggiunta solamente nel segno della Verità. Al contrario, oggi, l’unità viene posta più in alto della verità. Si trascura però il punto essenziale: l’amore vero e la vera unità esigono necessariamente l’uccisione dell’errore. L’opera di Von Hildebrand si rivolge quindi sia a chi è strettamente legato all’ortodossia cattolica, sia a chi è interessato alle drammatiche vicende attuali della Chiesa.

Con introduzione di d. Curzio Nitoglia: «Il problema del Concilio Vaticano II alla luce della teologia»


Dietrich von Hildebrand è nato a Firenze nel 1889. Nel 1906 entra nella facoltà di filosofia dell’università di Monaco. Dal 1910 ha continuato gli studi a Gottinga dove si è laureato con Husserl. Nel 1919 ha iniziato ad insegnare filosofia all’università di Monaco. Nel 1914, frattanto, si era convertito al cattolicesimo, da lì le sue opere Purezza e verginità del 1926, Il matrimonio del 1928, La trasformazione in Cristo del 1940. Ha insegnato in Austria dal 1930 sino al 1938 e nel 1939 si è trasferito in Francia ove ha insegnato all’Institut Catholique  di Tolosa sino al 1940. Dal 1940 sino al 1960 si è trasferito in nord America ed ha insegnato all’università di Fordham ove si è occupato di filosofia morale sociale. È morto a New York il 26 gennaio 1977.


INDICE DEI CAPITOLI


Introduzione di d. Curzio Nitoglia
Prefazione

Parte Prima
Vero e falso rinnovamento

Una falsa alternativa: progressismo e conservatorismo
Il significato del Concilio Vaticano II
Tesi e antitesi
False reazioni
La vivificazione della religione
Rivelazione cristiana e filosofia
Il compito attuale della filosofia cristiana
Il Kairos
Ottimismo e speranza

Parte Seconda
I pericoli del nostro tempo

L’atteggiamento del cristiano di fronte al nostro tempo
Il relativismo storico
Evoluzionismo, progressismo e vero progresso
Il feticismo della scienza
Libertà e arbitrio
La falsa sincerità
L’idolatria per la propria epoca

Parte Terza
La secolarizzazione del cristianesimo

La falsa concezione dell’unitarietà delle epoche storiche
La paura del sacro
La decadenza immanentistica
La distruzione della verità
L’amoralismo
Il falso irenismo

Parte Quarta

Il sacro e il mondano

Il «dialogo» e i suoi pericoli
Ecumenismo e secolarizzazione
Vitalità religiosa e mutamento
La funzione della bellezza nella religione
Verba Christi
La tradizione
I Santi
Epilogo




Anno:  2014
Autore:  Dietrich von Hildebrand
Pagine:  336


Gli utenti registrati possono condividere la loro opinione a seguito della lettura di questo libro. Registrati per accedere a tutti i benefici riservati agli utenti registrati o clicca su login se sei già registrato.

16 Set 2017
E' un lavoro davvero sostanzioso che permette di ritornare alla Verità della fede e della retta ragione andando alla radice e nello specifico degli errori filosofici assunti e propalati dai teologi moderni ancor oggi ritenuti maestri di pensiero, autorità, nella lettura dei quali è facile imbattersi. Ora, seguendo la linea di pensiero di Von...
Manlio Alberto Montalbano
...continua »

Leggi tutte le recensioni di questo libro (1) »