La Sacra Bibbia (Giuseppe Ricciotti)

Codice prodotto -
ISBN 978-88-85223-77-6
Categoria EFFEDIEFFE
Editore EFFEDIEFFE
Disponibilità si
SPEDIZIONE PREVISTA ENTRO: 1 giorni lavorativi

Segnala ad un amico

 
pin it

NUOVAMENTE DISPONIBILE LA FAMOSA “BIBBIA DEL RICCIOTTI”

Tradotta da uno scelto gruppo di studiosi con introduzioni e note di Giuseppe Ricciotti

Questa edizione del Sacro Libro — ante Concilio Vaticano II ed ante traduzione CEI degli anni ’70 — è la più adatta per chi desidera possedere una Bibbia completa, sicura e fedelmente tradotta (ovvero senza interpolazioni o manipolazioni “moderne” del testo) che possa servire sia come lettura spirituale che come opera di consultazione. Il valore degli specialisti che hanno collaborato alla presente edizione e la profonda sapienza dell’Abate Giuseppe Ricciotti (1890 – 1964), notissimo studioso biblico ed archeologo che oltre a tradurre una parte del testo ha scritto tutte le introduzioni e le note, costituiscono la maggiore garanzia della serietà e accuratezza dell’opera alla quale è stata data una presentazione del tutto conforme al suo carattere ed alla sua importanza.

(1860 pagine, copertina rigida con cordicini segnalibro)

Legga la recensione pubblicata su EFFEDIEFFE.com

Giuseppe Ricciotti
  Giuseppe Ricciotti

Giuseppe Ricciotti (Roma, 1890 – Roma, 1964), sacerdote cattolico, biblista, archeologo, semitista e storico del cristianesimo. Dopo aver assolto il servizio di leva militare, fu ordinato presbitero il 30.11.1913. Terminati gli studi umanistici, si iscrisse ai corsi di filosofia e teologia della Pontificia Università Gregoriana, conseguendo la duplice laurea; nel contempo, frequentò l’Università di Roma e fu per tre anni uditore al Pontificio Istituto Biblico, dal quale nel 1919 ottenne la licenza in scienze bibliche. Durante la prima guerra mondiale, Ricciotti servì come cappellano militare; chiese ed ottenne di essere trasferito all’assistenza spirituale dei soldati in trincea, nel corpo scelto degli “Arditi”. Durante il suo incarico, fu colpito quasi mortalmente, e decorato con una medaglia d’argento al valore. Passata la guerra e terminati gli studi, Giuseppe Ricciotti ottenne nel 1924 la libera docenza in Letteratura ebraica, esercitata all’Università di Roma e tra il 1926 ed il 1927 all’Università di Genova. All’Università di Bari fu docente di Ebraico e lingue semitiche comparate (1935-1960), di Storia del Cristianesimo (1950-1960), di Storia della filosofia antica (1950-1953) e di Storia della filosofia medievale (1951-1953). Ricciotti ebbe in più occasioni la possibilità di approfondire la propria conoscenza del mondo orientale, recandosi in Libia, Egitto, Palestina, Arabia, Transgiordania, India e Filippine. Fu traduttore e commentatore di testi decine di testi ebraici in 40 anni di attività da biblista, ma il suo nome è connesso intimamente con la sua Storia di Israele (1932-1934), e ancor più con la Vita di Gesù Cristo (1941), più volte riedite e ristampate. Ricciotti iniziò la sua attività negli anni immediatamente successivi all’apice della crisi modernista, quando si pose in una prospettiva estremamente polemica rispetto all’esegesi di quegli anni. I suoi lavori sul testo biblico, di carattere conservatore, dimostrano una solida preparazione storica e filologica. Questi suoi libri e gli articoli di carattere divulgativo, vergati in uno stile piacevole e brillante, contribuirono a diffondere in Italia ed altrove l’interesse per la conoscenza e lo studio delle Scritture e del cristianesimo antico. Muore a Roma nel 1964.






Anno:  2015
Autore:  Giuseppe Ricciotti (curatore)
Pagine:  1870 ca.


Gli utenti registrati possono condividere la loro opinione a seguito della lettura di questo libro. Registrati per accedere a tutti i benefici riservati agli utenti registrati o clicca su login se sei già registrato.