Trattato di Demonologia

Codice prodotto -
ISBN 978-88-85223-79-0
Categoria EFFEDIEFFE
Editore EFFEDIEFFE
Disponibilità si
SPEDIZIONE PREVISTA ENTRO: 1 giorni lavorativi

Segnala ad un amico

 
pin it

 

FATTI, DOTTRINA, INTERPRETAZIONI

Gli aspetti più impressionanti, sconvolgenti ma al tempo stesso consolatori della demonologia, in un trattato finalmente serio e completo


Nonostante il molto parlare che oggi si fa di questo potere occulto e misterioso, quello che di lui si conosce è molto poco, molto meno di quanto si pretende sapere. Perché? Perché si rifiuta il ricorso all’unica fonte di informazione che sono le pagine della rivelazione divina. Fuori da quelle pagine la demonologia diventa pura fiaba, fantasia illogica, irrazionalità, romanzo, assolutamente insufficiente a soddisfare una ricerca seria di verità e di oggettività.

L’uomo deve affidarsi alla ragione per arrivare alla verità, e la ragione dev’essere guidata dall’esame dei fatti. Nel campo delicato del preternaturale, e soprattutto nel campo della demonologia, i fatti non mancano, come non mancano i criteri di esame e di giudizio dei fatti. Questi criteri diagnostici sono determinati dalla Chiesa attraverso il Rituale Romano, il trattato di demonologia per eccellenza.

I due antagonisti perennemente in lizza tra loro restano sempre Dio e il demonio, perché la guerra tra Michele e Lucifero scoppiata nel cielo non è stata un episodio transitorio, avvenuto una sola volta. Il serpente ispiratore della disobbedienza, dell’insubordinazione e della rivolta fu maledetto dagli antichi teocrati (cioè dai credenti in Dio) mentre era tenuto in grande onore dagli iniziati. Lo scopo finale degli antichi misteri era rendere l’uomo simile alla divinità. Questo programma, di qualunque iniziazione, oggi non è per nulla cambiato.

Il presente trattato, scritto dall'Oblato Calliari, si stacca per netta differenza da tutta la gran massa di trattati di demonologia comparsi in questi ultimi 40 anni (anche e soprattutto dal noto Demonologia di von Petersdorff, contenente grosse lacune e deficienze), soprattutto perché coraggiosamente affronta, nella parte centrale del suo testo (da noi ribattezzata Tradizione diabolica), la presenza e l’azione di satana nel mondo d’oggi, presenza attraverso occulti e non occulti alleati e collaboratori, per Calliari «un fatto che deve far riflettere tutti coloro che sono preoccupati del proprio bene e del bene dei propri cari e deve spingerli ad adottare i rimedi più immediati e più efficaci per limitare, arginare e impedire questa pericolosissima minaccia».

Il coraggioso oblato non si limiterà a ricordare vagamente le trame di questa lotta in continuo svolgimento, ma ne certifica i tratti e ne chiama all’appello i protagonisti — quelle “quinte colonne” del mondo (ispirate dal sinedrio), infiltratesi dappertutto e specialmente nella Chiesa di Roma, perché, come già previsto da San Giovanni nell’Apocalisse, si dovrà giungere al momento in cui una massa immensa era prostrata in adorazione davanti alla bestia. Il demonio difatti odia e disprezza l’uomo, e perché lo odia ama vederlo ai suoi piedi e ricevere da lui quegli omaggi e ossequi che non potrebbe avere da nessun’altra creatura, e per compiere lopera sua, si serve in questo mondo di abili collaboratori, che dunque, con coraggio, vanno individuati e chiamati per nome, come fa brillantemente Paolo Calliari nel suo testo.

L’uomo è dunque il vero campo di battaglia, il terreno, dove i due avversari si misurano e si incontrano per arrivarne al possesso definitivo. L’accusatore, Satana, non ha nel suo pensare nessuna ortodossia, perché non possiede nessuna verità, ma possiede al massimo grado il genio della guerra. L’uomo si trova così tra due poli di attrazione ai quali, coscientemente e liberamente, deve dare la sua scelta e la sua preferenza. Da qui provengono i meriti della lotta o i demeriti della sconfitta. È bene che conosca le conseguenze di questa scelta.

La demonologia esposta nel presente trattato tenta di spiegare, attraverso fatti, dottrina e testimonianze, proprio questo, senza mai voler dimenticare che di fronte al cuore saldo nell’umiltà e nella verità, satana non può nulla: tanto si estende il suo potere quanto si estende la colpa umana.

(Per leggere la recensione su EFFEDIEFFE.com)


Il testo si divide in quattro parti (per un totale di 478 pagine):

 
Parte prima — Dottrina
Parte seconda — Tradizione diabolica
Parte terza — I fatti
Parte quarta — Interpretazioni

 

Con Introduzione di d.Curzio Nitoglia

Paolo Calliari, è nato ad Innsbrück, Austria, da genitori trentini, il 7 aprile 1913. Entra nel piccolo seminario degli Oblati di Maria Vergine a Chiavari, in provincia di Genova, nel 1923. Diventa novizio oblato a Pinerolo il 29 settembre 1928, professo sempre a Pinerolo il 6 ottobre 1929. Compie studi teologici a Pisa, dove viene ordinato sacerdote il 28 marzo 1936. Dopo un periodo di insegnamento nelle scuole interne della Congregazione — ginnasio, liceo, teologia — si dedica all’apostolato della predicazione popolare in Italia e all’estero, in Brasile, negli Stati Uniti, in Francia e in Austria, dove svolge a diverse riprese anche funzioni di responsabilità e direttive. Nonostante i gravosi impegni trova il tempo per studiare e per scrivere di argomenti ascetici, teologici, apologetici e soprattutto storici, interessandosi principalmente della vita e delle opere del venerabile Pio Bruno Lanteri, fondatore della Congregazione degli Oblati di Maria Vergine, e della storia di questo Istituto dagli inizi fino ai primi anni del Novecento; collabora episodicamente a L’Osservatore Romano, a Palestra del Clero, di Rovigo, a Christ au Monde, di Roma, e ad altri periodici; cura edizioni e traduce dal francese e dal tedesco una trentina di opere di carattere religioso, saggistico e narrativo. Trascorre gli ultimi anni della sua vita a San Vittorino, in provincia di Roma, presso il Santuario di Nostra Signora di Fatima. Muore il 29 novembre 1991 ad Albano Laziale.

Fra gli scritti dedicati al fondatore della congregazione cui appartiene, si deve ricordare particolarmente la monumentale edizione del Carteggio del padre Pio Bruno Lanteri (5 voll., Lanteriana, Torino 1975-1976). Fra gli scritti di carattere apologetico e teologico vanno annoverati Il Papa veduto da vicino. Spunti apologetici (1950), Dobbiamo ancora obbedire al Papa? (Lanteriana, Torino 1969), Il diavolo è forte, Dio è debole? Interpretazione della crisi attuale nel mondo e nella Chiesa (Civiltà, Brescia 1973), Maria Vincitrice di tutte le eresie secondo la dottrina del Venerabile Padre Pio Bruno Lanteri Fondatore degli Oblati di Maria Vergine (Lanteriana, Torino 1976), come pure la traduzione, la rifusione e l’ampliamento ai Dottori della Chiesa dell’opera di Joseph Tixeront, Manuale di Patrologia. I Padri e i Dottori della Chiesa, L.I.C.E., Torino 1949. Fra gli scritti di carattere ascetico spiccano Maggio a Fatima. Nuovo mese mariano in unione con il Cuore Immacolato di Maria (Libreria Salesiana, Pisa 1943); le meditazioni per la Quaresima (Borla, Torino 1962), Il Campo del Sangue (Lanteriana, Torino 1968); quelle per l’Avvento e il Natale: Vieni Signore Gesù (Lanteriana, Torino 1968); quelle per il tempo pasquale. Alla scuola di Gesù Cristo (Lanteriana, Torino 1968); nonché Sia fatta la tua volontà. Via breve per arrivare all’unione con Dio (Lanteriana, Torino 1986).







Anno:  2015
Autore:  Paolo Calliari (O. M. V.)
Pagine:  478


Gli utenti registrati possono condividere la loro opinione a seguito della lettura di questo libro. Registrati per accedere a tutti i benefici riservati agli utenti registrati o clicca su login se sei già registrato.