Sergio Ramelli: una storia che fa ancora paura

Codice prodotto 88-85223-14-1
Categoria EFFEDIEFFE
Editore EFFEDIEFFE
Disponibilità si
SPEDIZIONE PREVISTA ENTRO: 2 giorni lavorativi

Segnala ad un amico



Contenuto


13 marzo 1975: un ragazzo di 18 anni viene aggredito sotto casa. Due persone, staccatesi da un folto gruppo di comunisti, gli spappolano il cranio a colpi di chiave inglese; muore dopo 47 giorni di agonia. Chi era la vittima e perchè fu ucciso con tale violenza? In che clima era maturato quell’omicido così bestiale? E chi erano i carnefici: teppisti, killer professionisti, mafiosi? No; erano studenti universitari di Medicina: perchè uccisero allora? Forse accecati dall’ira o dalla paura? No; neppure conoscevano la loro vittima. Colpirono solo in nome dell'odio politico. Ci vollero dieci anni per assicurare gli assassini alla giustizia, ma oggi è finalmente possibile ricostruire tutte le tappe di quella tragica vicenda. Come in un thriller ci si muove tra atti giudiziari, articoli di giornali e testimonianze dirette, per scoprire che ad armare la mano degli assassini fu una spietata ideologia, il comunismo, che in Italia aveva, ed ha, importanti complicità, potenti convivenze e forti leve di potere. Ecco perchè questa è una storia “che fa ancora paura”.



Anno:  1997
Autore:  Giraudo G.
Pagine:  174


Gli utenti registrati possono condividere la loro opinione a seguito della lettura di questo libro. Registrati per accedere a tutti i benefici riservati agli utenti registrati o clicca su login se sei già registrato.